Dolci

Panettone veloce

panettone veloce
panettone veloce

Finalmente la ricetta che tanto mi avete chiesto!! IL PANETTONE VELOCE!!! Veloce perché si prepara in mezza giornata ed è ad un unico impasto! Proprio per cercare di velocizzare i tempi ho preparato anche una biga che serve per dare una spinta in più alla lievitazione che può variare dalle 5 alle 8 ore (io ci ho messo circa 5 ore). Il risultato, visto il procedimento più semplice del panettone classico, è davvero eccezionale! Profumatissimo, soffice… un vero e proprio pane delle feste!

Questa ricetta la consiglio per chi non vuole cimentarsi in procedimenti troppo lunghi e laboriosi e soprattutto per chi non ama particolarmente canditi e uvetta, perché l’ho farcito solo con tante gocce di cioccolato.

Una volta preparata la biga la s’impasta insieme a tutti gli altri ingredienti. Il segreto sta nell’inserimento: uova, burro e zucchero vanno aggiunti un po’ per volta altrimenti si rischia d’impastare eccessivamente il composto per poi avere un risultato non soddisfacente!

Si stende l’impasto allargandolo con le mani direttamente su una spianatoia, si farcisce con tante gocce di cioccolato, si forma una palla e si mette direttamente nello stampo da panettone da 1 kg. Ora si lascia lievitare fino a quando l’impasto sborda per almeno 2 cm. Mi raccomando non abbiate fretta, essendo il composto ricco di grassi ci possono volere fino alle 8 ore di lievitazione. Vi posso consigliare di usare una boule di acqua calda nel forno in modo da ricreare un ambiente più umido e caldo.

Una volta sfornato, infilzatelo con gli spilloni e capovolgetelo a testa in giù fino a raffreddamento.

Con gli albumi avanzati potete preparare le meravigliose tegole valdostane!

Scopri anche la ricetta del panettone, del Panettone nel bosco, del Pandoro veloce e del pandoro classico.

Seguimi su Instagram!

Attrezzatura

Per poter realizzare in casa un panettone avrai bisogno della seguente attrezzatura:

panettone veloce
Stampa ricetta
4,88 da 8 voti

Panettone veloce

Preparazione30 min
Cottura45 min
tempi di lievitazione6 h
Difficoltà: Facile
Costo: Basso
Porzioni: 8 persone

Ingredienti

Ingredienti per lo stampo da 1 kg

    Per la biga

    • 60 g farina manitoba io ho usato Farine Magiche Lo Conte
    • 60 g acqua
    • 15 g lievito di birra fresco oppure 5 g di quello secco

    Mix di aromi

    • 25 g miele
    • scorza di due arance
    • scorza di un limone
    • estratto di vaniglia

    Per l'impasto

    • 400 g farina manitoba
    • 110 g acqua
    • 5 g sale
    • 110 g zucchero
    • 110 g burro
    • 4 tuorli medi
    • 200 g gocce di cioccolato per la farcia

    Istruzioni

    • In una ciotolina mescolate miele, scorza di arance, limone e estratto di vaniglia. Mettete da parte.
    • Ora preparate la biga: in una ciotola con un cucchiaio mescolate farina, acqua e lievito. Mescolate bene, coprite con pellicola e lasciate lievitare 30 minuti/1 ora.
    • Versate la biga in una ciotola insieme alla farina, all'acqua e al mix di aromi, iniziate ad impastare con il gancio a foglia. Se non lo avete va bene quello a uncino.
    • Aggiungete metà dello zucchero e metà dei tuorli. Continuate ad impastare, poi versate l'altra metà dello zucchero, i tuorli rimanenti e continuate ad impastare.
    • Se l'impasto dovesse attaccarsi troppo alle pareti, staccatelo con una marisa (io non ne ho avuto bisogno). Continuate ad impastare fino a fare incordare il composto.
    • Quando l'impasto è completamente staccato dalle pareti, cambiate gancio con quello ad uncino e aggiungete il burro morbido un pezzetto alla volta. Mi raccomando non abbiate fretta, prima di aggiungere quello successivo verificate che quello precedente sia ben assorbito. In tutto ci vorranno 20/25 minuti. Versate il sale.
    • Quando l'impasto è bello incordato, lucido ed omogeneo, mettetelo su una spianatoia e, con le mani, iniziate a stenderlo allargandolo bene, formando un rettangolo di circa 40×50 cm. L'impasto si stende facilmente con le mani e senza l'aiuto del mattarello.
    • A questo punto versate su tutta la superfice metà delle gocce di cioccolato.
    • Chiudete bene portando i lembi all'interno. Versate altre gocce di cioccolato.
    • Richiudete e coprite con il restante cioccolato.
    • Ora pirlate bene l'impasto, formando una palla e cercando di inglobare bene le gocce di cioccolato.
    • Mettete l'impasto direttamente nello stampo da panettone e lasciate lievitare in forno spento con luce accesa. Attenzione a non scaldare troppo l'ambiente perchè il cioccolato rischierebbe di sciogliersi. Potete aggiungere nel forno una boule di acqua bollente per rendere l'ambiente più umido e caldo.
    • Io ci ho impiegato 5 ore e mezza circa ma si può arrivare fino ad 8 ore.
    • Estraete il vostro panettone e lasciatelo asciugare all'aria per 30 minuti. Volendo potete procedere con la scarpatura del panettone, che servirà a far "esplodere" la cupola durante la cottura e a non strappare l'impasto. Altrimenti potete fare un leggero taglio a croce in superfice e al centro mettere un pezzetto di burro.
    • Infornate a 170 gradi per 45 minuti nella parte bassa del forno. Dopo 30 minuti se dovesse brunirsi troppo, ricopritelo con della carta stagnola.
    • Sfornatelo, infilzatelo con l'apposito spillone a 2 cm dalla base, capovolgetelo e lasciatelo raffreddare così per 1 o 2 ore.
    • Buon Natale a tutti!

    Note

    Il panettone si conserva in un sacchetto di plastica per alimenti per circa 5 o 6 giorni.
    Volendo potete sostituire le gocce di cioccolato con la stessa quantità di uvetta. Se invece volete aggiungere anche i canditi mettete 50 g di arancia candita, 25 g di cedro candito e 140 g di uvetta.
     Se non avete la planetaria potete impastare a mano, considerate che aumenterete i tempi d’impasto.

    27 Comments

    1. Antonella says:

      5 stars
      Grazie per avermi fatto vivere questo momento di straordinaria felicità nel vedere realizzato un desiderio per me irraggiungibile cioè quello di produrre un panettone con le mie mani che si occupano di tutt altro. Grazie di cuore

      1. ma grazie a te per questo meraviglioso commento!!!!ne sono felicissima!!!

    2. Sandra says:

      5 stars
      Appena messo a lievitare…l impasto sembrava ottimo🤞🤞🤞grazie di ❤️

      1. OTTIMO!!!! Bravissima!

    3. 5 stars
      Appena preparato e messo a lievitare😃 grazie infinite per avermi fatto provare una nuova esperienza ✌️✌️✌️

      1. FELICISSIMA!!! BRAVA!!!

    4. Maddalena says:

      Buongiorno Federica. È possibile sostituire il miele con altro? Eventualmente con cosa e in che dosi? Grazie mille

      1. puoi sostituirlo con lo zucchero

    5. Stefania says:

      4 stars
      Buongiorno!
      se ne faccio due per volta, cambia qualcosa nella cottura essendocene due in forno?
      Grazie mille!!

      1. buongiorno! Magari si aumenta un po la temperatura

        1. Stefania says:

          Grazie, a quanto dici sia da mettere?

    6. Greta says:

      Ciao! Al posto della Manitoba è possibile utilizzare una farina tipo 0 con 14 Grammi di proteine? Stessa domanda faccio per la preparazione del pandoro. Grazie mille

      1. puoi provare attenzione però alla quantità di liquidi perche ogni tipo di farina riesce ad assorbire un tot di liquidi

    7. LUCA says:

      5 stars
      Grazie x la ricetta vorrei provarla‼️ invece del burro si potrebbe usare l olio di cocco?

      1. ciao! te lo sconsiglio

    8. sabrina says:

      Ciao una domanda, invece dello stampo alto posso usare quello basso ma sempre da un kilo?grazie mille

      1. ciao! si si certo tanto il volume non cambia!

        1. sabrina says:

          Grazie mille, gentilissima tii ok ringrazio molto

    9. Serena says:

      Buongiorno cara Federica, ho seguito tutte le tue indicazioni, ma purtroppo non ha lievitato…. L’impasto è risultato molto appiccicato, così ho aggiunto un po’ di farina….non capisco…ora provo a cuocerlo…vediamo…. Comunque riproverò, le tue ricette sono sempre Super.

      1. mannaggia mi dispiace.. quando è cosi in teoria non dovresti aggiungere farina ma continuare ad impastare aiutandoti con la marisa fino a fare incordare l’impasto. Prova la prossima volta senza aggiungere troppa farina e fammi sapere!

    10. Elena says:

      Ciao. Li sto facendo in questo momento. Ho finito di mettere il burro ma l’impasto è molto appiccicoso. Non riesco a tirarlo col mattarello. Aggiungo farina? Grazie

      1. no sconsiglio di aggiungere farina. Con la marisa aiutati a staccare l’impasto e continua ad impastare fino a farlo incordare.

    11. Anna says:

      Buongiorno,grazie per la ricetta che oggi ho provato a fare. Un piccolo problema dopo la lievitazione l’ho tolto dal forno e in quel momento si è afflosciato. HO scaldato il forno a temperatura e l’ho fatto cuocere ma non ha più ripreso a gonfiarsi …ora si sta raffreddando in compenso c’è un ottimo profumo in cucina. Speriamo che sia buono

      1. ciao! quando lo si estrae dal forno bisogna essere delicati senza sbatterlo e non devono esserci forti sbalzi termici… oppure aveva lievitato troppo e si è afflosciato! sicuramente sarà buonissimo!

    12. Ermanno says:

      Ciao! Ti seguo dal Canada. La cosa incredibile e’ che qui non si trova la Farina di Manitoba! Secondo te e’ meglio usare quella che qui chiamano “bread flour” che ha circa 12% di proteine, o la farina di semola rimacinata che ne ha 14%? Grazie!

      1. ciao! Ma non ci posso credere! La manitoba è canadese! Pazzesco! comunque ti sconsiglio la semola. Puoi provare con una farina bianca forte! Prova con quella che ha 12%, se riesci anche 13 o 14!
        Un saluto dall’Italia!

    13. Greta says:

      Ciao! Gli ingredienti devono essere freddi a parte il burro?

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Vota la ricetta!




    Altre ricette dal blog...